Seguiteci su FACEBOOK

ARCHIVIO Edizioni

SPONSOR

mtb5per1000

edilclima

COTAS

rossi diletta

romcaffe

pandellorso

DMC Terre dAmore

h501finestre

Di franco ascanio 

XII MARATHON DEGLI STAZZI - edizione 2015

 

Oltre al percorso Marathon a Scanno si può optare per il “Classic” di 39 km e 1150 metri di ascesa. Qui a trionfare è stato Giovanni Di Sante (Team Rodas) su Maurizio Parisse (Ciclistica L’Aquila) e Leandro Rotondi (Piesse Cycling Team). Per il gentil sesso vittoria netta di Angela Feola (Mountain Bike Caserta) che ha battuto Luisa Di Iorio (Bike Shock Team) e Maria Teresa Mosca (Associazione Ciclistica Città di Sarno), giunte rispettivamente seconda e terza.

Spettacolo e adrenalina a mille anche per le categorie Allievi ed Esordienti, che si sono sfidate su un circuito di 7 km ricco di single track intorno al paese. Tifo da stadio per il giovanissimo biker locale Pietro Colarossi, quarto a traguardo.

Ricche le premiazioni a base di prodotti tipici locali ed originalissimi i trofei assegnati ai vincitori, delle magnifiche sculture in legno realizzate da Stefan, artista tedesco residente a Scanno.

La Marathon degli Stazzi, per giunta, oltre ad essere tappa del circuito nazionale “I Sentieri del Sole e dei Sapori” e dell’Abruzzo Cup, rappresentava anche la prima prova di una speciale ed inedita classifica “Supercombinata”, in cui entreranno coloro che, oltre alla gara di oggi, porteranno a termine anche le gare (questa volta a piedi) di “Vertical Race” e di “X-Trail” che si svolgeranno sempre a Scanno i prossimi 28 e 30 agosto.

Gli atleti si sono detti appagati dall’ormai consolidato percorso, definito di “montagna vera”, con il salitone del Genzana (spettacolare il panorama), il passaggio nella Riserva Chiarano-Sparvera, l’ingresso nel Parco Nazionale d’Abruzzo, la discesa sul lago di Scanno e l’arrivo nei vicoli del borgo antico, fra i più belli d’Italia. A convincere ancora una volta è stata altresì la perfetta macchina organizzativa, super collaudata con le 200 persone dislocate lungo il percorso. A dir poco ricchi i cinque ristori, con decine di volontari pronti a “rincorrere” gli atleti per rifornirli di acqua, integratori, frutta e barrette energetiche.

Come di consueto è spettato al presidente dell’MTB Scanno chiudere la manifestazione con il fatidico discorso. Mario De Vincentis ha tenuto a ringraziare i 604 atleti ed i volontari e collaboratori: sono loro che rendono possibile questo evento definito –a ragione– “memorabile”.