Seguiteci su FACEBOOK

ARCHIVIO Edizioni

SPONSOR

mtb5per1000

edilclima

COTAS

rossi diletta

romcaffe

pandellorso

BANCA BCC

 

Di franco ascanio

zaccagnini 

Scanno XTRAIL - edizione 2015

 

Si è disputato domenica scorsa lo "Scanno XTrail", seconda gara in tre giorni del week end dedicato alla corsa in montagna. Circa 250 gli atleti in gara (provenienti da tutto il Centro Sud Italia) che vanno sommati agli oltre 120 del "Vertical Race" andato in scena venerdì sera. Due spettacolari gare: la prima a cronometro, con partenza dalla piazza di Scanno ed arrivo sulla vetta di Monte Rotondo (3,4 km e 860 metri di dislivello), la seconda in linea, con partenza ed arrivo in paese, passando sugli impianti di Collerotondo, i boschi di monte Cerreto, il Lago di Scanno ed il centro storico del borgo (15 km, 1250 metri di ascesa). L’evento ha riscosso un grande successo: il numero di iscritti, considerato l’elevato gradiente tecnico dei percorsi, è da record. Per giunta molti atleti, con famiglie ed accompagnatori, hanno trascorso l’intero weekend a Scanno, in cui si è registrato il tutto esaurito. L’evento è stato organizzato dall’MTB Scanno in collaborazione con "Parks Trail Promotion", il sodalizio che gestisce il circuito Appenninico delle corse podistiche "off-road".

Dal punto di vista agonistico entrambe le competizioni sono state dominate dall’atleta locale Antonio Carfagnini, ex biker dell’MTB Scanno passato alla corsa in montagna, leader del circuito "Parks Trail". Fra le donne successo in tutte e due le gare dell’Ucraina Nataliya Shablista. Carfagnini ovviamente ha vinto anche la "combinata", data dalla somma dei tempi delle due gare. Vi era addirittura una classifica "supercombinata", ottenuta sommando "Vertical", "XTrail" e "Marathon degli Stazzi" (la storica gara di mountain bike, sempre targata MTB Scanno, disputatasi in giugno). Al vincitore di questa inedita sfida fra atleti (a dir poco) poliedrici è stato assegnata una splendida scultura in pietra dell’artista Tedesco Stephan Wagner. Anche la classifica "supercombinata" ha visto protagonista Carfagnini, questa volta però quasi ex aequo con il quotato biker Molisano Christian Giura (rivelatosi fortissimo anche a piedi), a cui l’organizzazione ha deciso di assegnare l’opera di Wagner raffigurante un cisclista, un podista ed un camoscio in azione su un pendio montano.

Mentre la gara di venerdì, svoltasi nel pomeriggio, ha avuto un’apprezzatissima appendice presso il locale La Baita (in cui si è svolto un pizza/birra party), domenica la logistica ha ruotato intorno al palazzetto dello sport. Qui ha avuto luogo un abbondante e succulento "pasta party" preparato dalla locale sezione delle ACLI.

Il Presidente dell’MTB Scanno, come sempre al timone della "macchina organizzativa", si è detto estremamente soddisfatto del successo della doppia manifestazione, tenendo a precisare che il suo sodalizio «non sarebbe nelle condizioni di sostenere eventi così complessi se non potesse contare sulla collaborazione della Croce Rossa, della Protezione Civile, delle ACLI, delle Forze dell’Ordine, dell’Amministrazione Comunale e di tanti volontari non iscritti a nessun sodalizio. Senza il loro appoggio –ha aggiunto De Vincentiis– la nostra associazione non ce la potrebbe fare. Mi permetto di dire che ormai è come se fossimo un unico grande gruppo che funzione in maniera pressoché automatica. Infinite grazie a tutti».